Fare la cosa giusta…

Show:

“La cosa giusta”… Solo dire queste parole fa capire come questa “cosa” sia qualcosa di molto più grande di tutti noi e per questo molto difficile da capire.

Prendete Luke fon Fabre: Luke, protagonista di Tales of the Abyss della Namco, è l’unico erede del fratello del re di Kimlasca-Lavanladear e quando pensate a “una brutta persona” state pensando a qualcuno come lui.

Luke si ritroverà da solo, ma tales of the Abyss non è un deprimente gioco sul restare soli, è una storia di redenzione e persino una brutta persona come Luke, grazie all’amore, sarà in grado di riscattarsi e diventare l’eroe che ha sempre voluto essere.

Un po’ come Edward Kenway, protagonista di Assassin’s Creed 4: Black Flag della Ubisoft. Edward è un pirata inglese che farebbe qualsiasi cosa per diventare ricco e tornare in Inghilterra dalla moglie.

Come Edward mette da parte la propria sete di denaro, anche Max Payne mette da parte i propri principi e la propria moralità per fare quello che deve fare.

In Farenheit, o Indigo Prophecy, come è conosciuto in America, edito da Quantic Dream, invece mi sono trovato a dover giocare contro me stesso.

Se però penso a cosa significhi “Fare la cosa giusta”, nessun gioco secondo me lo spiega meglio di GTA 4, della Rockstar Games.